Medicina dell’Essere del Dott. S. Gay


Cos’è la Medicina dell’Essere

Oggi abbiamo avuto il piacere di incontrare il Dott. Stefano Gay, che ci illustra il percorso formativo “Medicina dell’essere”.

E’ una disciplina che integra l’approccio dato dalla Biopsicosomatica, nel percorso di cura di un problema fisico o emotivo, con il supporto della Psicogenealogia e della Fisica Quantistica applicata alla medicina in una nuova e più completa visione della persona che è l’Essere Umano.

E cosa fa la Medicina dell’Essere

Approfondisce le grandi leggi energetiche e biologiche che presiedono l’insorgenza e la scomparsa di un disequilibrio fisico-organico e/o emozionale, integrandole con gli studi classici sulla salute umana.
I più grandi studi e le scoperte scientifiche attuali della medicina, della fisica quantistica, dell’epigenetica e delle neuroscienze stanno sempre più dimostrando l’inconfutabile ruolo della mente e della psiche conscia e inconscia come elemento in grado di attivare disturbi fisici ed emotivi.

La Medicina dell’Essere parte del presupposto fondamentale che l’essere umano è costituito da un’unica essenza a sua volta composta da tre inseparabili realtà: un sistema organico, un sistema psichico e un sistema energetico, quest’ultimo alimentato dal campo magnetico del cuore.
La coesione e la sinergia di queste tre realtà è il fulcro della Medicina dell’Essere che pone al centro del suo studio l’ ESSERE UMANO in ogni sua parte.

Che obiettivi si pone?

L’obiettivo della “Scuola di Formazione in Medicina dell’Essere” è dare ai professionisti che usciranno dal percorso formativo la più completa comprensione tecnica ed esperienziale sui meccanismi della connessione Corpo-Mente-Energia dell’essere umano, INOLTRE DARA’ all’operatore gli strumenti pratici per accompagnare la persona a compiere un cambiamento nella sua vita. I professionisti della Medicina dell’Essere dovranno essere in grado di mettere in pratica strategie di auto-aiuto multidisciplinari aggiornate secondo le ultime scoperte delle scienze integrate.

Alla fine dei due anni si avrà la capacità di codificare il significato di un disturbo fisico o emotivo attraverso il senso biologico che porta nella vita della persona e nella sua memoria familiare, oltre che a percepirlo e a vederlo sul suo campo energetico.  Questo per aiutare la persona ad operare un cambiamento pratico e risolutivo nella sua vita per raggiungere così la sua piena realizzazione fisica ed emotiva.

Il percorso formativo  fornirà le competenze tecniche ed esperienziali per un nuovo approccio nella relazione di aiuto verso gli altri e verso se stessi, che potrà essere integrato con qualunque tecnica olistica o tradizionale. Per questo la Scuola è da considerare anche come un profondo e completo percorso di crescita personale.